FAQs

Sicu­ra­men­te a distan­za di un po’ tem­po è con­si­glia­bi­le ripren­de­re i pun­ti fon­da­men­ta­li dell’informazione, ma non dimen­ti­chia­mo che il dato­re di lavo­ro, anche tra­mi­te il pre­po­sto, è tenu­to a vigi­la­re sull’effettiva appli­ca­zio­ne di quan­to pre­vi­sto nel pro­to­col­lo anti-contagio.

Cate­go­ry: Infor­ma­zio­ni

E’ sem­pre uti­le ave­re trac­cia del­le azio­ni che il dato­re di lavo­ro pone in esse­re per adem­pie­re ai suoi dove­ri in rela­zio­ne a quan­to pre­ve­de la nor­ma­ti­va, ma si deve ricor­da­re che la fir­ma del lavo­ra­to­re non man­le­va il dato­re di lavo­ro che non ha effet­tua­to un’informazione ade­gua­ta o in manie­ra superficiale.

Cate­go­ry: Infor­ma­zio­ni

Si, la riu­nio­ne infor­ma­ti­va può esse­re svol­ta in can­tie­re all’aperto tenen­do una distan­za mini­ma di un metro

Cate­go­ry: Infor­ma­zio­ni

L’informazione è il pri­mo pas­so del­la pre­ven­zio­ne, i lavo­ra­to­ri devo­no esse­re infor­ma­ti sui rischi di con­ta­gio e sui com­por­ta­men­ti da tene­re. Gli opu­sco­li infor­ma­ti­vi e i mani­fe­sti affis­si in can­tie­re pos­so esse­re di sup­por­to ma è com­pi­to del dato­re di lavo­ro ero­ga­re l’informazione al lavo­ra­to­re e accer­tar­si che la stes­sa sia sta­ta ade­gua­ta­men­te rece­pi­ta spe­cie in rife­ri­men­to a lavo­ra­to­ri stranieri.

Cate­go­ry: Infor­ma­zio­ni

Load More